Come far studiare i figli? Alcuni consigli per motivarli

Come far studiare i figli? Leggi l’articolo per scoprire i consigli per motivare i tuoi figli nello studio e aiutarli a trovare la giusta concentrazione.

Motivare i figli nello studio è una sfida che molti genitori affrontano quotidianamente. Al punto che il momento dei compiti a casa può diventare un vero e proprio incubo.

D’altro canto, sapere come incentivare i figli a studiare, è fondamentale. Non solo li aiuterà nelle attività scolastiche, ma anche a sviluppare abilità e una mentalità positiva che li accompagnerà lungo tutto il percorso di apprendimento.

Se anche tu ti trovi a sperimentare la frustrazione di non sapere come motivarli, continua a leggere.

In questo articolo cercheremo di fornirti consigli utili per incoraggiare i tuoi figli a sviluppare una routine di studio efficace e piacevole.

In particolare vedremo: 

 

Come far studiare i figli: incentivi e incoraggiamenti

Sapere come far studiare i figli è un percorso complesso che richiede un mix di pazienza, comprensione e autorevolezza.

Si tratta di una serie di azioni e comportamenti quotidiani che, giorno dopo giorno, possono incentivare i figli a studiare.

La prima cosa che devi ricordare, è che i ragazzi hanno bisogno del tuo supporto ma che, tuttavia, non devi sostituirti a loro negli impegni scolastici. Nello studio è, infatti, essenziale favorire l’autonomia dei bambini e renderli responsabili. 

 

come-far-studiare-bambini-kc326

 

Inoltre, ricorda che un sistema educativo fatto di incentivi e incoraggiamenti, piuttosto che di punizioni, ti permetterà di raggiungere risultati migliori.

Ecco, dunque, 9 consigli su incentivare i figli a studiare:

  1. Proponi lo studio come un'attività divertente e coinvolgente;
  2. Stabilisci obiettivi realistici e celebra il loro raggiungimento;
  3. Offri ricompense tangibili, come privilegi o piccoli premi;
  4. Sostieni i tuoi figli con parole di incoraggiamento e fiducia nelle loro capacità;
  5. Riconosci e premia gli sforzi, non solo i risultati;
  6. Fa in modo che ci sia spazio anche per sport e svago.

Infine, sii un modello di comportamento positivo, mostrando interesse verso l'apprendimento.

 

Come comportarsi con i figli che non vogliono studiare?

Abbiamo appena visto come far studiare i figli con un atteggiamento incoraggiante e che premi il loro impegno.

Ma cosa fare, se nonostante questo, i tuoi figli non vogliono studiare?

In questi casi, può diventare davvero molto difficile non perdere la pazienza. Ricorda, tuttavia, che coltivare l’amore per lo studio è molto importante per uno sviluppo psicologico del bambino equilibrato. E il tuo esempio positivo è un grande stimolo per aumentare il suo interesse verso la scuola e l'istruzione.

Quando i figli non vogliono studiare, è dunque importante adottare un approccio equilibrato ed empatico. 

 

come-far-studiare-bambini-kc419

 

Ecco alcuni consigli su come gestire questa situazione:

  • Comunica apertamente, ascoltando le loro preoccupazioni e sentimenti senza giudicare;
  • Aiuta i tuoi figli a trovare il metodo di studio per bambini più adatto a loro perché ogni bambino ha ritmi e modalità di apprendimento diversi;
  • Aiutali a individuare le aree in cui hanno maggiori difficoltà e offri aiuto quando necessario.

In definitiva, un approccio empatico, motivante e supportivo può incentivare i figli a studiare e a superare le resistenze nei confronti dell'apprendimento.

 

Come aiutare i ragazzi a concentrarsi?

Una delle difficoltà maggiori riguarda la concentrazione durante lo studio. Per sapere come far studiare i figli, è essenziale che tu sappia come aiutarli a concentrarsi.

Tieni intanto a mente che un bambino di 6-7 anni, per esempio, comincia a distrarsi dopo circa 15/20 minuti; un ragazzo di 15-16 anni, invece, è in grado di mantenere l’attenzione in modo continuativo per circa 30-45 minuti. In ogni caso, pochi.

Per questo non serve obbligare i bambini a studiare ininterrottamente per ore. Il cervello umano ha bisogno di una piccola pausa per poter riprendere a lavorare, quindi basta un’interruzione breve, dai 5 fino ad un massimo di 15 minuti, per rimetterlo in moto e riprendere a studiare intensamente.

Inoltre, possono bastare davvero alcuni semplici accorgimenti per aiutare i ragazzi a concentrarsi.

A partire dalla creazione di un ambiente di studio accogliente e stimolante, coinvolgendo i tuoi figli nella progettazione. Creare l'ambiente giusto può fare la differenza nel rendere i tuoi figli più concentrati e motivati durante le sessioni di studio.

 

come-far-studiare-bambini-kc418

 

Insegna ai ragazzi a organizzare bene e tenere in ordine la zona studio. Un ambiente ordinato favorisce l’apprendimento.

Infine, assicurati che lo spazio sia privo di distrazioni e imposta una routine quotidiana, stabilendo sempre uno stesso orario per lo studio.

 

Progettazione online

Torna al Blog

Articoli correlati

6+1 idee di scrivania con doppia postazione per la cameretta condivisa dei tuoi figli

Quando un solo figlio ha a disposizione una cameretta tutta per sé, la scelta dell’arredo è...

Sedia cameretta per studiare comodi: 4+1 consigli per ogni esigenza

I bambini svolgono tante attività durante la giornata e per alcune di esse, purtroppo, trascorrono...

Come utilizzare la cromoterapia per bambini in cameretta

Cromoterapia per bambini in cameretta: il potere dei colori. Leggi l’articolo per scoprire quali...